Catalunya e il Trittico Daliniano

Date

5 giorni – 4 notti

23 – 27 marzo 2020
03 – 08 aprile 2020
02 – 07 maggio 2020

Punti di partenza

  • Ritrovo in aeroporto

Costo

Chiedi quotazione

Accettiamo Buoni Welfare 

Contatti

Chiara 3519020727
Eleonora 371 3480872

SULLE ORME DI SALVADOR DALÌ, IL TRITTICO.

PUBOL
Il castello che il pittore Salvador Dalí regalò alla sua musa, Gala.
Il castello medievale di Púbol è, dal 1996, la Casa-Museo Gala Dalí. L’artista profuse un grande sforzo creativo in questo spazio, la cui funzione finale era quella di essere il mausoleo della sua sposa. L’edificio fu completamente rinnovato da Dalí, che aprì nuovi spazi e definì una decorazione dall’atmosfera romantica. Si tratta di un luogo misterioso, sobrio, ricco di fascino e con angoli di grande bellezza, come il Salone del Piano o l’antica cucina trasformata in bagno.

PORTLLIGAT
L’attuale Casa-Museo di Portlligat è stata l’unica casa in cui Salvador Dalí ha vissuto con una certa stabilità: il luogo in cui ha vissuto e lavorato abitualmente fino al 1982, data della morte di Gala, a seguito della quale trasferì la sua residenza nel Castello di Púbol. Nel 1930 Salvador Dalí si installò in una piccola baracca di pescatori a Portlligat, ammaliato dal paesaggio, dalla luce e dall’isolamento del luogo. A partire da questa costruzione iniziale, per 40 anni si è impegnato nella creazione della sua casa. Così come lui stesso la definiva, era ‘una vera e propria struttura biologica […]. Ad ogni nuovo impulso della nostra vita le corrispondeva una nuova cellula, una stanza.’ La forma risultante è la struttura labirintica attuale che, a partire da un punto d’origine, l’Ingresso dell’Orso, si perde e si articola in una successione di spazi incatenati e legati da stretti passaggi, piccoli dislivelli e corridoi senza uscita. Questi spazi, invasi da un infinità di oggetti e ricordi di Dalí, sono decorati con accessori che li rendono particolarmente caldi e accoglienti: stuoie, calce, fiori secchi, tappezzerie di velluto, mobili antichi, etc. Inoltre tutte le stanze sono dotate di aperture, dalle forme e dalle proporzioni variabili, che incorniciano il paesaggio, riferimento costante nell’opera di Dalí: la baia di Portlligat.

IL MUSEO DALÍ A FIGUERES
Il tranquillo paesino di Figueres, nella provincia di Girona, ha dato i natali al più eccentrico, tormentato, rivoluzionario e scandaloso artista del novecento, Salvador Dalí ed è proprio lì che troverete l’omonimo ed eccentrico museo.L’edificio era un teatro distrutto dalle fiamme durante la Guerra Civile Spagnola, scelto da Dalí per ospitare la più grande collezione delle sue opere. L’artista si occuperà direttamente della sua costruzione, tanto da convertire ogni dettaglio del museo in un’opera d’arte.
La struttura esterna, il patio, le stanze, scala e i mobili dell’edificio sono testimonianza dell’opera surreale di Dalí.
Il museo è tanto affascinante e apprezzato dal pubblico da aver raggiunto lo status di secondo museo più visitato della Spagna (dopo il Prado di Madrid). Tra le opere che si possono ammirare segnaliamo: Port Alguer, Lo spettro del sex-appeal, Ritratto di Gala con due costolette di agnello (in equilibrio sulla sua spalla), Autoritratto molle con pancetta fritta dipinto, Galarina, La cesta di pane e Galatea con sfere.

GIRONA
Girona è sopravvissuta a 25 assedi e sette espugnazioni. La sua storia ricca di eventi ha fatto sì che la città sia poliedrica, una miscela di popoli e culture. Dal suo Ghetto ebraico (sede della più importante scuola europea di studi cabalistici nel XII secolo), alle mura della città costruite quando Carlo Magno sequestrò la città ai Mori nel 785 d.C., si trovano indizi di influenze spagnole, francesi, catalane, arabe ed ebraiche, che hanno lasciato il segno nel corso degli anni.

El Call: quartiere ebraico di Girona
Molto suggestiva la visita del quartiere ebraico di Girona. Questo è ampiamente considerato il quartiere medievale ebraico meglio conservato di tutta Europa e una grande attrazione turistica a sé stante, che è ironico se prendiamo in considerazione che gli ebrei furono espulsi con la forza dalla Catalogna nel 1492. A Bonastruc Ça Porta, conoscerete la storia ebraica e la vita quotidiana a Girona.

Girona e La Cattedrale di Santa Maria
Salendo uno a uno gli oltre cento gradini della scalinata, la cattedrale di Girona appare in tutta la sua imponenza: un unico blocco di pietre intarsiate danno forma alla facciata barocca mentre sul lato destro risalta il romanico della torre di Carlomagno.
Costruita nel XI secolo, sul punto più alto della città catalana, proprio dove una volta c’era una moschea e prima ancora un tempio romano, la chiesa di Santa Maria subì nel tempo diverse ristrutturazioni e cambio di stili sino a quello definitivo del XVII secolo.
Ma la bellezza della cattedrale di Girona si rivela tutta e soprattutto nella spaziosità del suo interno: un’unica navata gotica, la più grande d’Europa dopo quella di San Pietro, si alza per 35 metri e si tende per quasi 23.

Girona Cattedrale e Il Tappeto della Creazione
Pezzo unico al mondo di epoca Romanica Il tappeto della creazione di Girona è conservato nelle sale capitolari del museo della Cattedrale di Santa Maria di Girona è un Arazzo di4mt per 5mt con ricami disposti sulla superficie del tessuto di fondo, una lana di terracotta intrecciata con colori diversi come il rosso, il verde, il giallo, il blu scuro e il grigio e fili di lino bianco. La creazione, con Cristo benedicente al centro è il tema centrale; intorno vi sono le raffigurazione dei 4 venti, i mesi e i lavori dell’anno, il carro del Sole, della Luna e i fiumi del Paradiso. Nella parte inferiore, frammentaria, si riconoscono alcune scene del ritrovamento della croce di Cristo.

BESALÙ GARROTXA
Besalú, in provincia di Girona, è una monumentale testimonianza dell’epoca medievale catalana. Situata nella zona della Garrotxa, si trova a un passo dallo spettacolare
paesaggio del Parco Naturale della Zona Vulcanica della Garrotxa e dalle ultime propaggini del settore orientale dei Pirenei della provincia.Strade e facciate di pietra sono il principale segno di identità del suo nucleo urbano, come si può osservare in più punti. Il suo ricco patrimonio medievale presenta al viaggiatore costruzioni di tipo civile e religioso, e addirittura tracce del quartiere sefardita esistente in questa località durante il Medioevo. Tra le opere a carattere civile va ricordato il ponte romanico del XII secolo che attraversa il fiume Fluvià, l’edificio della Curia Reale, destinato all’amministrazione della giustizia, e la residenza dei Cornellà, nella quale spiccano i portici di una galleria in stile romanico. Tra i monumenti religiosi si trovano invece le chiese di Sant Pere, di Santa Maria e di Sant Vicenç, che alternano elementi romanici e gotici. Richiama l’attenzione anche la ricca decorazione della facciata principale della chiesa di San Giuliano (sec. XVII). D’altra parte, nel quartiere ebraico è possibile visitare i bagni medievali dedicati alle abluzioni rituali ebraiche.

Programma

Italia – Barcellona
Arrivo in mattinata a Barcellona, incontro con la guida, panoramica città, il barrio Gotico, la Rambla. Tranfert sulla costa, arrivo in hotel, cena e pernottamento.

Lloret de Mar – Figueras
Colazione incontro con la guida e partenza per la visita guidata del Teatro Museo Salvador Dalì di Figueras, pranzo in ristorante, nel pomeriggio visita guidata di Port Lligat, rientro in hotel cena e pernottamento.

Colazione e partenza per la vista guidata di Girona, Pranzo in ristorante tipico a base di Paella, dopo pranzo partenza per la visita guidata del Castello di Gala Dalì a
Pubol. Rientro in hotel. Cena e pernottamento.

Colazione e partenza per la visita guidata di Besalù . rientro in hotel per il pranzo, pomeriggio libero, Facoltativo cena in locale tipico Flamenco Show o cena e
pernottamento in hotel.

Colazione, carico bagagli e partenza per Barcellona. In base all’operativo volo possibilità di completare la visita della capitale Catalana.

IL PACCHETTO COMPRENDE

  • Volo aereo in classe unica
  • Tasse aeroportuali e di sicurezza
  • Bus per Transfert e escursioni come da programma
  • 5 Giorni 4 Notti in hotel 4**** catena Rosamar Hotel – Lloret de Mar
  • Trattamento di pensione completa bevande ai pasti incluse ¼ Vino e mezza di acqua, dalla cena del giorno di arrivo alla colazione del giorno di rientro.
  • Ingressi:
    – Pubol – Castello Gala Dalì
    – Figueras – Teatro museo Salvador Dalì
    – Port Lligat – casa museo Salvador Dalì
    – Girona – Cattedrale + museo + chiesa di sant Feliu
    – Nº 2 pranzi in ristorante. 1 a base di Paella in antica “ Masia”
    – Guida 3 FD + 1 HD.

NON INCLUSO

  • Quota Iscrizione € 35,00
  • Assegnazione posto a bordo aereo
  • Bagaglio in Stiva
  • Assicurazione Annullamento Viaggio (facoltativa)
  • Supplemento camera singola € 80,00
  • Cena spettacolo Flamenco show Facoltativo
  • Mance
  • Visite e ingressi extra programma
  • Tutto quanto non espressamente indicato sotto la voce “Il pacchetto comprende”